FEG

 Il “Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione”

 

A seguito di importanti mutamenti strutturali del commercio mondiale dovuti alla globalizzazione, per il periodo 2014-2020 sono stati stanziati annualmente 150 milioni di euro con  il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione per offrire un sostegno fino al 60% a singoli lavoratori in esubero che hanno perso il lavoro, ad esempio in caso di chiusura di un'impresa o delocalizzazione di una produzione in un Paese extra UE, oppure a seguito della crisi economica e finanziaria mondiale aiutando i lavoratori a trovare un altro impiego o avviare una propria attività. Il FEG può cofinanziare per un max di 2 anni, un’indennità per la formazione, mobilità/ricollocamento, l’assistenza nella ricerca di un impiego, l’orientamento professionale, l’istruzione, la formazione e riqualificazione, la guida e tutoraggio, l’imprenditorialità e creazione di nuove aziende, ma non può finanziare misure di protezione sociale, come pensioni o indennità di disoccupazione.

Fino al 2017 possono beneficiare del FEG anche giovani che non hanno un impiego e non seguono corsi di studio o formazione nelle regioni ad elevato tasso di disoccupazione giovanile, in numero pari a quello dei lavoratori che in tali regioni ottengono un sostegno.

 

 

Per maggiori informazioni:

 

http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=326&langId=it

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0