COOPERAZIONE TERRITORIALE

Con la "Cooperazione territoriale europea", per la quale, in attuazione del nuovo Obiettivo del Trattato di Lisbona in materia di Coesione Territoriale, è stato previsto un Regolamento distinto, nel periodo di programmazione 2014 - 2020 sono stati stanziati all’ incirca € 8.948.259.330 per finanziare Scambi di esperienze ed Azioni Congiunte tra gli attori nazionali, regionali e locali dei diversi Stati membri che, non solo propongono soluzioni comuni a problemi condivisi da più Paesi, ma soprattutto ne apportano Valore Aggiunto.

 

La Cooperazione Territoriale può essere divisa in:

  1. Cooperazione interregionale;
  2. Cooperazione transnazionale;
  3. Cooperazione transfrontaliera;
  4. Cooperazione transfrontaliera Esterna.

 I territori italiani possono partecipare a 19 programmi di cooperazione territoriale europe, attraverso:

Quasi tutte le regioni italiane sono interessate, in tutto o in parte, dai programmi

transfrontalieri (ne sono escluse soltanto il Lazio, la Campania, la Basilicata e la

Calabria).

 

Per la cooperazione territoriale  il Regolamento fa riferimento anche alla partecipazione dei paesi terzi in relazione al ruolo che può essere assunto dai Gruppi europei di cooperazione territoriale (GECT).

 

Per maggiori informazioni:

 

http://ec.europa.eu/regional_policy/it/policy/cooperation/european-territorial/